Skoda Octavia aggiorna la gamma

Di Paolo Pirovano Pubblicato Lunedì, 24 Luglio 2017. nella categoria Secondo noi

Tante le novità sulla Skoda Octavia, non è solo un restyling.

Skoda Octavia aggiorna la gamma

La terza generazione della Skoda Octavia lanciata nel 2013 è stata recentemente rinnovata con alcuni interventi che hanno interessato aspetti di design, di tecnologia, di comfort e di sicurezza. Il modello riveste una grande importanza all’interno dell’offerta della casa ceca, è la best seller del marchio, tanto da totalizzare dal 1996 ad oggi 6 milioni di unità prodotte e nell’ultima versione sono già più di un milione gli esemplari consegnati. La Wagon, poi, ha un compito ancora più decisivo dopo aver conquistato lo scorso anno il titolo di SW più venduta in Europa.

Per questo si presenta con una gamma particolarmente ampia di motorizzazioni da 90 a 245 CV che inserisce in listino la 1.0 TSI (turbo benzina) da 115 CV, adatta a chi fa pochi chilometri e con vantaggi economici su assicurazione e bollo, mentre sul fronte dei diesel la novità riguarda il 2.0 TDI da 150 CV con trazione integrale adesso abbinabile al cambio DSG a 7 rapporti.

Per completare le informazioni sulle motorizzazioni, sono in tutto sono 7 le proposte così ripartite: 2 benzina, 4 diesel e 1 doppia alimentazione benzina-metano. I benzina sono il già citato 1.0 TSI, a cui affianca il top di prestazioni 2.0 TSI della sportiva RS con i suoi 245 CV; i diesel comprendono il 1.6 TDI da 90 e 115 CV che guadagna 5 CV, ed il 2.0 da 150 e 184 mentre il bi-fuel a metano è basato sul 1.4 G-Tec da 110 CV.

Questa versione sta riscuotendo particolare successo sul nostro mercato con oltre il 30% delle vendite, puntando su prestazioni che non risentono minimamente di alcun calo, di un’autonomia che sale fino a 1.300 km (sfruttando tutti e tre i serbatoi) con consumi nel ciclo combinato di 5,8/5,5 lt/100 km a seconda del tipo di cambio. Per controllare i consumi la Octavia presenta due indicatori di carburante, e una volta terminato il metano passa automaticamente alla benzina. Il listino della Wagon, parte da 24.260 euro.

In Italia naturalmente la più richiesta è la station wagon, che con i suoi 4,66 mt si posiziona nel cuore del segmento C mettendo a disposizione grande abitabilità, soprattutto per le sedute posteriori aiutate dal passo di 2,68 mt, ed un bagagliaio che va dai 610 ai 1.740 lt una volta abbattuto il divano.

Su questa carrozzeria viene proposta la Scout con trazione integrale 4x4, assetto rialzato di 3 cm, protezioni per il sottoscocca e per i passaruota, perfetti per affrontare un fuoristrada leggero. Una sola motorizzazione, il 2.0 TDI in due livelli di potenza, 150 e 184 CV con in opzione il cambio DSG a 7 rapporti nel primo caso e a 6 nel secondo ed in listino a partire da 30.940 euro.

A livello di design tutte le Octavia presentano il frontale ed i paraurti ridisegnati con la calandra allargata, i doppi fari anche Full LED soluzione utilizzata anche per quelli posteriori.

In ulteriore passo in avanti è nel campo della sicurezza dove si aggiungono ai sistemi già presenti il Front Assist con frenata d’emergenza e riconoscimento dei pedoni attivo tra i 10 ed i 60 km/h, il Blind Spot Detect per il controllo dell’angolo cieco, il Rear Traffic Alert per l’uscita dai parcheggi in retromarcia, mentre le manovre con rimorchio sono assistite dal Trailer Assist o dal Manouvre Assist.

Non poteva non essere interessato dall’aggiornamento l’infotainment compreso nello Skoda Connect che si divide in Infotainment Online e Care Connect. Questo integra la chiamata d’emergenza in caso d’incidente, il servizio proattivo sulla manutenzione della vettura e l’accesso remoto attraverso una app che controlla lo stato dell’auto in qualsiasi momento.

Cinque i livelli di allestimento, Active, Ambition, Design, Executive e Style con prezzi che partono da 20.100/21.150 (Berlina/Wagon) della 1.0 TSI per arrivare ai 34.950/36.000 della RS 245 CV.