Peugeot Rifter, lo spazio e la versatilità in bello stile

01 mar 2018 motorpad.it
Peugeot Rifter, lo spazio e la versatilità in bello stile

Si rinnova l’offerta Peugeot nell’area dei veicoli multiuso/multispazio dove arriva la gamma Rifter a prendere il posto del Partner per offrire soluzioni per i più svariati usi con, oltre alla grande disponibilità di spazio, uno stile ben personalizzato e dotazioni di di tipo automobilistico.
Il veicolo nasce sulla nuova piattaforma EMP2 sviluppata in due lunghezze per 5 posti Standard (4,40 mt di ingombro) o 7 (4,75 mt) utilizzata anche per le corrispondenti gamme Citroen Berlingo e Opel Combo Life. Pertanto si ritrova anche la possibilità di sfruttare un bagagliaio che può arrivare a 775 dmc utili nella versione Standard e a 4.000 in quella Long intervenendo opportunamente sulla movimentazione e ripiegamento dei sedili posteriori e accessibile attraverso l’ampio portellone posteriore con lunotto apribile.

Non solo: l’airbag frontale lato passeggero del tipo Bag in Roof è situato in modo originale nel rivestimento del tetto così da permettere la creazione di un vano chiuso e refrigerato con una capacità di 186 litri del tutto insolita in veicoli di questo tipo e che va ad aggiungersi agli altri vani portaoggetti disponibili.
Al pilota viene riservata un’attenzione particolare che comprende una dotazione di tecnologie di assistenza alla guida e di sicurezza da vettura alto di gamma e che, tra l’atro,  comprende sistemi come l’Adaptive Cruise Control, il Driver Attention Alert, lo Speed Limit Detecion, l’Active Safety Brake, Blind Corner Assist e Lane Departur Line, la commutazione automatica degli abbaglianti e la videocamera posteriore. Comanda e controlla tutto da una posizione di guida rialzata e attraverso l’innovativo Peugeot i-Cockpit con touch screen da 8”.

Per tutti gli occupanti c’è il sistema di infotainment di ultima generazione con grande schermo a colori, due porte USB, la connessione Bluetooth, la carica ad induzione e la 3D Connected Navigation a comando vocale e informazioni sul traffico in tempo reale.
Per le motorizzazioni Euro6 sono disponibili i collaudati 1.200 cc PureTech Turbo a benzina da 110 CV e cambio manuale a 5 marce o da 130 CV e cambio automatico a 8 rapporti ai quali si affiancano i BlueHDI da 75 CV e 100 CV con cambio manuale a 5 marce o da 130 CV e trasmissione automatica a 8 rapporti.

Quanto a versatilità d’uso il Rifter amplia le sue possibilità dotandosi anche dell’Advanced Grip Control che si abbina agli pneumatici Mud+Snow per i percorsi a scarsa aderenza ed al sistema Hill Descent Control per il controllo della velocità in discesa: tanta motricità e sicurezza in più. In seguito è prevista anche l’adozione della trazione integrale realizzata con il partner storico Dangel. La commercializzazione (con i relativi prezzi) è prevista per la seconda metà dell’anno. 

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

Gabriele Tarquini vince il Mondiale WTCR
Sport

Gabriele Tarquini vince il Mondiale WTCR

20 nov 2018 Paolo Pirovano

Sul circuito di Macao Gabriele Tarquini si è laureato Campione Mondiale WTCR (World Touring Car Cup) della prima edizione del Mondiale per vetture Turismo della categoria...

Continua
Giulio Marc D'Alberton, Peugeot Rifter
Intervista a

Giulio Marc D'Alberton, Peugeot Rifter

16 nov 2018 Paolo Pirovano

Ospite in studio Giulio Marc D’Alberton, Resposabile Comunicazione Peugeot Italia Puntata è dedicata a PEUGEOT che porta in studio la sua interpretazione delle...

Continua
Cupra Ateca, il SUV medio diventa sportivo
Secondo noi

Cupra Ateca, il SUV medio diventa sportivo

15 nov 2018 Paolo Pirovano

All’interno del segmento dei SUV medi si sta sviluppando una nuova tendenza, quella della caratterizzazione sportiva come nel caso della Cupra Ateca. Il test drive è stato...

Continua
La Volkswagen T-Cross e Giosuè Carducci
Anteprima

La Volkswagen T-Cross e Giosuè Carducci

30 ott 2018 Marcello Pirovano

Chissà chi se la ricorda la “Canzone di Legnano” la bella poesia di Giosuè Carducci che a scuola, nonostante la lunghezza, bisognava mandare a memoria. Oltre alla...

Continua