Zero Motorcycles, anche le due ruote diventano elettriche

24 nov 2018 Mariano Da Ronch
Zero Motorcycles, anche le due ruote diventano elettriche

Era facile prevederlo. Anche se la filosofia, ma soprattutto gli spazi sono diversi, prima o poi doveva succedere che anche le motociclette avrebbero offerto una soluzione con propulsione elettrica al posto dei motori endotermici. Del resto le moto elettriche offrono diversi vantaggi rispetto alle tradizionali moto a combustione, come ad esempio un’enorme coppia che trasmette una gratificante spinta di accelerazione, mentre l’assenza di rumori, calore e vibrazioni aumenta la sensazione di velocità e fluidità.

La guida è lineare ed entusiasmante e consente di vivere l’ambiente che ci circonda in un modo più rispettoso: nessun cambio olio, nessuna perdita di fluidi e nessun bisogno di interventi di manutenzione ordinaria; operazioni come la regolazione delle valvole, la sostituzione della candela e gli interventi sulla frizione appartengono al passato. Il pacco batterie è progettato per garantirne un funzionamento pari alla vita utile della moto, lasciandovi tempo ed energia per la vostra vera passione: la guida. Le moto elettriche sono anche convenienti, con un costo complessivo di proprietà di gran lunga inferiore agli omologhi a combustione interna, tenendo in considerazione la manutenzione ridotta e i costi di elettricità di circa 0,01 €/km.

Tra le prime case ad offrire questa soluzione c’è certamente Zero Motorcycles. Concepita come un'idea ambiziosa in un garage di Santa Cruz in California, Zero Motorcycles è cresciuta fino a diventare in breve tempo un'azienda motociclistica di fama internazionale. Il risultato di questa trasformazione è una gamma di moto rivoluzionarie che soddisfano diverse aspettative. Non a caso, visto che fin dalla produzione dei primi prototipi nel 2006, la Casa ha invitato diversi motociclisti a provare personalmente le proprie moto.

Il cuore di ogni Zero è costituito dal gruppo motopropulsore Z-Force® ad alta efficienza, che elimina la necessità di utilizzare componenti pesanti e complessi, tipici delle moto tradizionali. Il motore Z-Force® presenta soltanto un componente in movimento, è sigillato, raffreddato ad aria e non richiede interventi di manutenzione ordinaria. Non fatevi tuttavia ingannare dalle dimensioni: nonostante le proporzioni compatte, il motore genera una coppia in grado di raggiungere i 146 Nm, superiore a quella di qualsiasi moto sportiva a combustione da 1.000 cc. Il pacco batterie Z-Force® raggiunge la densità di energia più elevata nell’industria dei veicoli elettrici ed è fornito con una garanzia di cinque anni a chilometraggio illimitato. La tecnologia integrata Zero consente di utilizzare lo smartphone: l’applicazione gratuita Zero Motorcycles infatti, disponibile per iOS o Android, utilizza una connessione Bluetooth con la moto per consentire di raggiungere parametri di prestazione personalizzabili. I motociclisti possono determinare la coppia e la velocità massime nonché i livelli di frenata rigenerativa per adattarli alle loro preferenze. L’applicazione consente inoltre di aggiornare in remoto il firmware della moto, risparmiando il tempo di viaggio al concessionario.

Come tutti i veicoli elettrici, le moto Zero non producono emissioni dallo scarico, inquinamento acustico e non richiedono benzina, olio, refrigerante, impiegati nei motori a combustione interna. A differenza delle moto a combustione che richiedono un’energia quasi quattro volte superiore, il motore Z-Force® ha un’efficienza di oltre il 90%. L’energia viene impiegata per muovere la moto, invece di disperdersi sotto forma di calore. Per quanto riguarda l’autonomia, Zero Motorcycles offre quella più lunga di qualsiasi moto elettrica prodotta in serie al mondo, determinata dalla capacità della batteria, dalla velocità e dallo stile di guida del pilota. Con l'accessorio opzionale Power Tank, la Zero SR è in grado di viaggiare per oltre 350 km nel ciclo urbano e 175 km in autostrada.

Per caricare una moto Zero non servono attrezzature complesse o costose o stazioni di ricarica: sono dotate di un caricatore integrato, che trasforma qualsiasi presa domestica da 220 V in una stazione di servizio, mentre il tempo di carica varia da due ore a una notte. Per ricaricare la moto fino a 6 volte più velocemente, l’opzione Charge Tank da 6 kW è compatibile con le stazioni di ricarica J1772 sempre più diffuse sul territorio, e riduce i tempi di ricarica a 1-2 ore. Il Charge Tank e il caricatore integrato possono essere utilizzati simultaneamente per una potenza di carica pari a 7,3 kW, che corrisponde fino a 166 km per ora di carica. Zero Motorcycles offre inoltre un sistema scalabile di caricatori, che riduce sensibilmente i tempi di ricarica e può essere utilizzato a casa o al lavoro.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

Mercato Auto Europa. A novembre -8,1%
Economia

Mercato Auto Europa. A novembre -8,1%

14 dic 2018 Paolo Pirovano

Ancora un segno negativo per il mercato europeo dell’auto che continua il calo iniziato lo scorso settembre. Gli ultimi dati di novembre, secondo quanto diffuso oggi...

Continua
Seconda edizione di #Suzukiesport
Eventi

Seconda edizione di #Suzukiesport

13 dic 2018 Paolo Pirovano

É partita la nuova edizione di “Suzuki è Sport”, un progetto creato per aiutare, attraverso la donazione di 40.000 euro, 15 associazioni sportive iscritte alle seguenti...

Continua
Mirko Dall’Agnola, Suzuki Vitara
Intervista a

Mirko Dall’Agnola, Suzuki Vitara

13 dic 2018 Paolo Pirovano

Spazio ad una delle ultime novità presentate al Salone dell’Auto di Parigi. Protagonista in studio la SUZUKI VITARA che si è sottoposta a numerosi cambiamenti tutti sotto...

Continua
Jeep Wrangler: duro e puro fuoristrada
VideoTest

Jeep Wrangler: duro e puro fuoristrada

10 dic 2018 Silvia Pirovano

Sul mercato sono rimaste davvero poche vetture fuoristrada dure e pure. Una di queste è la Jeep Wrangler che anche nella nuova generazione mantiene inalterato il proprio...

Continua