Il motore diesel e l’onestà intellettuale di un Assessore

10 mag 2018 Marcello Pirovano
Il motore diesel e l’onestà intellettuale di un Assessore

Da non crederci. Proprio a Milano, la città dove lo sport preferito dell’Amministrazione Comunale è quello della sistematica rapina e vessazione ai danni dell’automobilista con il diluvio di strisce blu molto spesso fuori norma e pericolose e con gli autovelox/bancomat per il bilancio comunale, c’è qualcuno (che conta) e che canta fuori dal coro. È Raffaele Cattaneo, assessore all’ambiente di Regione Lombardia. Non vive a Palazzo Marino, ma al Pirellone, altra famiglia politica. Resta il fatto che fa piacere trovarlo con una posizione chiara su una questione come quella del blocco di 600.000 auto a gasolio nei prossimi due anni per migliorare la qualità dell’aria.

Su un argomento di tale importanza e delicatezza, che Cattaneo ovviamente condivide e che sta cuore a tutti, si è messo sul binario giusto nella premessa del suo operato:  “…mettere i cittadini in condizione di poter adottare comportamenti virtuosi senza intenti punitivi per nessuno”. È la dichiarazione d’apertura dell’intervista rilasciata il 7 maggio al Corriere della Sera. Più avanti prosegue con quello che i test più recenti sui motori a gasolio si sforzano da tempo di rendere noto al grande pubblico e agli amministratori più testardi e meno informati: ”… il PM10 è prodotto al 45/50% dal riscaldamento delle case …. la rimanente quota si divide a metà tra smog da traffico ed emissioni industriali. Solo per un quarto delle polveri la responsabilità è delle auto”.

È giusto quindi e doveroso sostituire i veicoli più vecchi, ma ad una operazione di tale impegno è altrettanto giusto che non si sottragga lo Stato con adeguate misure di incentivazione per svecchiare e rendere anche più sicuro il parco circolante; interventi che anche Cattaneo invoca preferendoli ai puri e semplici divieti. Infine farà scoppiare il fegato a qualcuno la dichiarazione finale che conferma l’onestà intellettuale dell’assessore regionale all’Ambiente che ha anche un’esperienza di assessore ai Trasporti: “…potremmo anche avere tutte auto elettriche in strada, ma in Lombardia ridurremmo il PM10 solo del 10%. Sul fatto che la soluzione definitiva per contrastare l’inquinamento sia la lotta al diesel ho diverse perplessità”.

Posizione che più chiara e corretta di così è difficile trovare e ancora più difficile che, di questi tempi, sia un uomo politico a sostenerla.

P.S. non sono un “sottopancia” di Raffaele Cattaneo o un attivista della sua parte politica. 

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

Hyundai SUV: una gamma ricca e ben articolata
Secondo noi

Hyundai SUV: una gamma ricca e ben articolata

18 set 2018 Roberto Tagliabue

Hyundai rinnova i suoi SUV offrendo al mercato italiano una gamma tra le più ricche e articolate. Dall’ammiraglia Santa Fe, in Italia già dal 2001, alla media Tucson...

Continua
Tante novità per la nuova Jeep Cherokee
Secondo noi

Tante novità per la nuova Jeep Cherokee

14 set 2018 Paolo Pirovano

Jeep è il marchio più dinamico all’interno del Gruppo FCA, a cui è affidato un importante piano di sviluppo e crescita a livello internazionale cosa che si sta...

Continua
Dallara raggiunge 300 vittorie negli USA
Sport

Dallara raggiunge 300 vittorie negli USA

11 set 2018 Paolo Pirovano

Con quella di domenica scorsa sul circuito di Portland son 300 le vittorie ottenute dalla Dallara in Formula Indy. A conquistarla il pilota giapponese Takuma Sato, che vanta...

Continua
Fiat 500 X una leadership da difendere
Secondo noi

Fiat 500 X una leadership da difendere

10 set 2018 Paolo Pirovano

Si rinnova in modo significativo la famiglia della 500 X nell’ottica di tenere vivo e rafforzare il successo di questo particolare crossover leader in Italia e in Europa...

Continua