Sicurezza e buon senso

23 nov 2015 motorpad.it
Sicurezza e buon senso

In materia di sicurezza e buon senso relativamente alla circolazione stradale a Milano il problema è stabilire, una volta per tutte, due cose: chi sono gli utenti deboli della strada e di conseguenza cosa ha in testa l’Assessore al traffico di Milano.

Sulla prima noi della Compagnia dell’Automobile e con noi la stragrande maggioranza dei cittadini, automobilisti o ciclisti che siano, non abbiamo dubbi: sono i pedoni. A loro, tutti coloro che si muovono con maggior ingombro e, soprattutto, a maggior velocità, devono il massimo rispetto e la massima attenzione.

Sembrerebbe una considerazione logica non certo bisognosa di essere imposta e regolamentata dalla legge. Eppure…

Eppure qualcuno si considera superiore alla legge ed al buon senso. La prova è in queste immagini esemplificative (e purtroppo solo esemplificative di molte situazioni analoghe) della furia dell’assessore nella sua opera di sistematica rapina agli automobilisti per i quali è sempre più difficile trovare uno spazio di parcheggio libero dato il diluvio spesso cervellotico di strisce blu. La politica dell’automobilista da tosare come una pecora e utile solo per fare cassa, insomma, continua.

Ma non c’è fine al peggio e quanto alla tutela degli utenti più deboli ecco la fantasiosa, illegale e pericolosissima, soluzione dell’Assessore al Traffico milanese: basta tracciare, in mezzo alle strisce pedonali, sacre e inviolabili, il prosieguo di una pista ciclabile! Serve qualche commento?

Quella di utilizzare le strisce pedonale restando in sella è un atteggiamento contrario al Codice in quanto innesca una situazione di pericolo che non si sa perché la Polizia Urbana è così riluttante a perseguire. Per non dire della moltitudine di incoscienti che mettono a rischio prima di tutto se stessi e poi gli altri, girando per la città di sera senza il minimo segnale luminoso di segnalazione.

La situazione è tanto grave e diffusa che si è pensato di “invitare” i ciclisti a rendersi visibili nel buio, ma mai a punirli o quantomeno fermarli. Perché?

Quello che si registra a Milano ha probabilmente riscontro in altre città e per questo la Compagnia dell’Automobile invita tutti a inviare le segnalazioni di situazioni analoghe che possano evidenziare le carenze e i pericoli messi in atto e sollecitare gli opportuni rimendi. Siamo persuasi che anche i ciclisti più seri e consapevoli, cioè la grande maggioranza, non possano che essere d’accordo.

Torna indietro
Tags

Potrebbe interessarti anche:

smart EQ fortwo e-cup a Vallelunga
Sport

smart EQ fortwo e-cup a Vallelunga

17 set 2018 Paolo Pirovano

Dopo le prove speciali del Milano Rally Show, sono tornate in pista a Vallelunga le 18 smart EQ fortwo in versione ‘race’ e protagoniste del monomarca elettrico. Due le...

Continua
Tante novità per la nuova Jeep Cherokee
Secondo noi

Tante novità per la nuova Jeep Cherokee

14 set 2018 Paolo Pirovano

Jeep è il marchio più dinamico all’interno del Gruppo FCA, a cui è affidato un importante piano di sviluppo e crescita a livello internazionale cosa che si sta...

Continua
Dallara raggiunge 300 vittorie negli USA
Sport

Dallara raggiunge 300 vittorie negli USA

11 set 2018 Paolo Pirovano

Con quella di domenica scorsa sul circuito di Portland son 300 le vittorie ottenute dalla Dallara in Formula Indy. A conquistarla il pilota giapponese Takuma Sato, che vanta...

Continua