Anas. Campagna di sicurezza in vista dell’esodo estivo

27 lug 2018 motorpad.it
Anas. Campagna di sicurezza in vista dell’esodo estivo

Utile iniziativa dell’ Anas in vista dell’esodo estivo con le maggiori problematiche e rischi che comporta per il traffico e la sicurezza. 

L’ha presentata l’A.D. Gianni Vittorio Armani illustrandone in primo luogo le finalità: “ il nostro obiettivo - ha dichiarato - è di offrire ai nostri clienti un viaggio sicuro e confortevole. Abbiamo rimosso tutti i cantieri mobili, mobilitato uomini e mezzi per monitorare la rete e offrire assistenza in caso di necessità, predisposto un piano di comunicazione per garantire un viaggio informato”.  Un piano che impegna 1.100 automezzi, 2.534 telecamere, 580 pannelli a messaggio variabile e 2.500 addetti. Il monitoraggio h24 della rete e l’assistenza per il pronto intervento saranno gestiti con 230 operatori impegnati nella Sala Situazioni (che lavora h24) e nelle 21 Sale Operative Compartimentali, tra cui ricordiamo quella dell'autostrada A2 “Autostrada del Mediterraneo” che opera in affiancamento alla Polizia Stradale.

In particolare, per una maggiore fluidità del traffico, Anas ha rimosso tutti i cantieri mobili; resteranno in totale 162 cantieri inamovibili, di cui 26 su autostrade e raccordi autostradali e 136 sulle strade statali, impegnati in interventi di potenziamento e messa in sicurezza. Il numero maggiore di cantieri (13) è presente sulla A19 Palermo-Catania oggetto di un importante piano di riqualificazione e di manutenzione straordinaria. Completamente rimossi tutti i cantieri lungo l’A2 “Autostrada del Mediterraneo”.

Per richiamare l’attenzione sulla sicurezza stradale, Anas è impegnata in due campagne di comunicazione. La prima, in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Polizia di Stato, è #GUIDAeBASTA per sensibilizzare gli utenti della strada a essere prudenti e concentrati mentre si è al volante evitando i rischi che derivano dalla distrazione e dalle cattive abitudini alla guida tra le quali l’uso dello smatphone l’uso del quale alla guida è causa primaria di gravi incidenti.

La seconda campagna #AMAMIeBASTA, ideata da Anas e LNDC, Lega nazionale per la difesa del cane, è finalizzata alla lotta contro gli incidenti provocati dall’abbandono degli animali domestici in strada con l’obiettivo di garantire maggior sicurezza a chi si mette in viaggio. In Italia, infatti, ogni anno si registrano centinaia di incidenti stradali, anche mortali, causati da animali abbandonati, fenomeno che aumenta durante i periodi estivi.
Ma cosa si può fare se si incontra un cane abbandonato? Innanzitutto non girare la testa e ignorarlo ma contattare le forze dell’ordine (Polizia stradale/Carabinieri/Polizie locali/Vigili del Fuoco), organi preposti per legge a intervenire.
Nel caso in cui si assista in modo diretto all’abbandono di un animale, è bene prendere il numero di targa da segnalare alle autorità competenti per favorire l’individuazione dei colpevoli.
Anas ricorda anche che per il trasporto del cane in auto il Codice della strada prevede specifiche norme agli articoli 169 e 170.

Ricordiamo infine che stanno entrando in vigore i nuovi Tutor con le nuove tecnologie di seconda generazione già in uso in molti Paesi con la dichiarata capacità di ridottissimi margini di errore.   

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

Mitsubishi, fatturato trimestrale + 27%
Economia

Mitsubishi, fatturato trimestrale + 27%

09 ago 2018 motorpad.it

Nel primo trimestre dell’anno fiscale 20181019 Mitsubishi Motors ha registrato un fatturato netto di 560,0 miliardi di yen, in aumento del 27,0% sullo stesso periodo...

Continua