Maserati Eldorado, portò il gelato italiano nelle gare automobilistiche

01 lug 2018 motorpad.it
Maserati Eldorado, portò il gelato italiano nelle gare automobilistiche

Una contaminazione fino ad allora - il 29 giugno 1958 - impensabile. Quel giorno un prodotto non attinente al mondo dell’automobilismo sponsorizzava per la prima volta una vera auto da competizione. Si trattava del gelato Eldorado che dava il suo nome e la faccia sorridente del marchio (un giovane cow boy con capellone Stetson azzurro e foulard rosso) ad una Maserati appositamente realizzata per partecipare alla 500 Miglia di Monza. La portò in pista, piazzandosi al settimo posto della gara, nientemeno che Stirling Moss e colpì non solo per l’inedita e, dati i tempi, non poco irriverente sponsorizzazione, ma per la grande scritta nera del prodotto che spiccava sul bianco: veniva platealmente abbandonato il rosso, colore dell’Italia nelle gare. 

La scheda tecnica della monoposto Eldorado tipo Indy comprendeva un telaio tubolare, un motore V8 di 4.190 cc e 410 CV con cambio a sole due marce data le caratteristiche della competizione capace di sviluppare una velocità massima di 350 km/h, una scocca in alluminio e un peso di 758 kg. Ora questo “bel gelato” perfettamente restaurato fa parte della collezione Panini a Modena e si mette in mostra, sempre con enorme successo, in tutte le più importanti manifestazioni storiche di auto d’epoca.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

Nuovo Ford Edge, pensato per l’Europa
Secondo noi

Nuovo Ford Edge, pensato per l’Europa

14 feb 2019 Mariano Da Ronch

Dopo la recente presentazione avvenuta alla fine dello scorso anno, nuovo Ford Edge, il SUV full size dell’Ovale Blu, è pronto per debuttare sul mercato italiano con una...

Continua
70 anni Abarth 1949-2019
Detto tra noi

70 anni Abarth 1949-2019

05 feb 2019 Paolo Pirovano

La storia della Abarth inizia il 31 marzo del 1949 quando Karl Abarth (1908 - 1979) fonda a Torino la Abarth & C. insieme al pilota Guido Scagliarini. Ricorre quindi il...

Continua