Anche i cinesi hanno portato a Francoforte le loro novità

18 set 2017 motorpad.it
Anche i cinesi hanno portato a Francoforte le loro novità

Le assenze di alcune marche e Gruppi occidentali anche importanti sono state in una certa misura compensate dalla presenza di marchi cinesi che con la loro presenza hanno chiaramente manifestata la loro strategia volta a conquistare spazio anche sul mercato europeo. Politica del resto che viene evidenziata in molti modi dall'industria automobilistica cinese che ricorre ad accordi, joint venture, con partecipazioni azionarie o addirittura acquisizioni come nel caso della Volvo. Sono in sono in realtà le stesse strategie che mettono in atto i costruttori accidentali o americani per vendere in Cina. Con la differenza che il governo cinese impone che i costruttori stranieri che vogliono entrare sul mercato locale vengano a costruire direttamente sul posto. Trump, in fondo, non ho scoperto niente. Le marche che hanno scelto di presenziare al Salone di Francoforte sono la Chery e la Great Wall.

La Chery è la marca che più esporta all'estero, circa 700.000 unità lo scorso anno, e il suo interesse si concentra particolarmente sui SUV. Sulle rive del Meno  ha messo in mostra la Exeed TX. Disegnato secondo la filosofia “life in motion” impiega un motore 1005 cc a benzina da 150 CV con cambio automatico a sette rapporti e uno elettrico da 160 CV consente di percorrere circa 70 km modalità a zero emissioni; dispone anche della trazione integrale. Dal salone di Shanghai dove hanno debuttato sono arrivate Europa anche le Tiggo 7 e 5. Tutte nascono su una nuova piattaforma che darà origine anche ad altri modelli.

La Great Wall già presente anche in Italia con una rete di vendita e assistenza e nota per la recente, ma respinta, dichiarazione di interesse per il marchio Jeep, ha messo sotto i riflettori il prototipo del SUV del suo marchio di lusso Wey. Si chiama XEV e si presenta stilisticamente molto elaborata nel frontale e con le porte ad ala di gabbiano. L’alimentazione plug-in si realizza con due motori elettrici, da 55 kW davanti e da 130 dietro. Raggiunge 160 km all'ora di velocità ed è lunga 4,76 mt.
È una ibrida plug-in anche la P8 con un motore 2.000 cc turbo a benzina e due elettrici da 15 e 85 CV.
Più o meno sulla stessa lunghezza è  realizzata la VV 7S proposta in due versioni, con motore ibrido la Hi4 con uno a benzina da 234 CV nella versione sportiva.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

Mitsubishi, fatturato trimestrale + 27%
Economia

Mitsubishi, fatturato trimestrale + 27%

09 ago 2018 motorpad.it

Nel primo trimestre dell’anno fiscale 20181019 Mitsubishi Motors ha registrato un fatturato netto di 560,0 miliardi di yen, in aumento del 27,0% sullo stesso periodo...

Continua