Toyota e-Palette, prototipo elettrico, autonomo e con ampio ventaglio di applicazioni

10 gen 2018 motorpad.it
Toyota e-Palette, prototipo elettrico, autonomo e con ampio ventaglio di applicazioni

Il settore Automotive sta attraversando un periodo caratterizzato da profondi mutamenti, con sempre nuove frontiere all’orizzonte quali la connettività, l’elettrificazione delle motorizzazioni e le tecnologie di guida autonoma. Altrettanto profondi sono i nostri sforzi nello sviluppo di soluzioni per la mobilità che consentano agli individui di arricchire le proprie vite, e stiamo facendo del nostro meglio per assicurare un’evoluzione sociale positiva da qui fino ai prossimi cento anni”.

È’ l’annuncio dato personalmente da Akio Toyoda, Presidente della Toyota Motor Corporation, con il quale ha ufficializzato il lancio di una importante partnership con, tra altri,  Amazon, DiDi, Mazda, Uber e Pizza Hut, che collaboreranno, ciascuno nei propri ambiti, alla creazione di nuovi servizi di mobilità per le aziende e dell’e-Palette Concept, un prototipo caratterizzato da livelli di flessibilità mai visti prime e progettato per soddisfare le esigenze di una mobilità in continua evoluzione.

Si tratta di un veicolo elettrico a batteria (BEV) completamente autonomo dotato di diverse possibilità di personalizzazione e con un ampio ventaglio di applicazioni.
Oltre al supporto dei servizi disponibili attraverso la MSPF di Toyota, il prototipo e-Palette dispone di un’interfaccia di controllo aperta e di una serie di strumenti che permetteranno ai diversi partner l’installazione dei rispettivi sistemi di guida autonoma e di gestione del veicolo. Una volta installato il sistema di guida, la tecnologia Guardian di Toyota viene attivata per assicurare al veicolo il corretto funzionamento.

Grazie al suo layout interno, lo spazio può essere adattato alle esigenze dell’utente, sia che il mezzo venga adibito ad operazioni di consegna, a servizi di car sharing oppure di e-commerce. Toyota ha previsto una produzione in serie del prototipo con tre format diversi, con lunghezze tra 4 e 7 metri, forma squadrata e pianale bassissimo non soltanto per adattarsi ad applicazioni diverse, ma anche per imporsi come soluzione di mobilità comoda ed intelligente.

Le informazioni sul veicolo vengono raccolte dal Modulo di Comunicazione Dati (DCM) in dotazione e archiviate all’interno del Toyota Big Data Center (TBDC) attraverso una piattaforma di comunicazione globale. Il veicolo riesce a sfruttare al massimo le informazioni raccolte per sostenere un’ampia gamma di operazioni finanziarie, oltre ad offrire un resoconto dettagliato dei livelli di manutenzione gestito contemporaneamente anche dalle concessionarie Toyota. 

Toyota ha pianificato entro i primi anni ‘20 degli studi di fattibilità per il collaudo dell’e-Palette Concept in diverse aree geografiche, tra cui gli Stati Uniti. Il brand spera inoltre di poter offrire un contributo concreto al successo dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.   

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

CR-V Hybrid, l'ibrido secondo Honda
Secondo noi

CR-V Hybrid, l'ibrido secondo Honda

06 dic 2018 Roberto Tagliabue

Dopo il lancio della versione a benzina a fine settembre, Honda presenta la CR-V ibrida che ha il difficile compito di sostituire l’eccellente versione a gasolio...

Continua
S. Ronzoni e C. Lattuada, MINI Italia
Intervista a

S. Ronzoni e C. Lattuada, MINI Italia

05 dic 2018 Paolo Pirovano

Protagonista della puntata di Motorpad TV è MINI, un marchio unico nel panorama dell’auto che ha rivoluzionato la forma delle vetture con la geniale intuizione di Sir Alec...

Continua
La ricetta Renault per le vetture premium
Secondo noi

La ricetta Renault per le vetture premium

20 nov 2018 Mariano Da Ronch

I francesi, si sa, sono tenaci. E in casa Renault l’ambizione di definire una strada transalpina alle vetture di prestigio resiste imperturbabile, con lodevoli esempi non...

Continua