BMW Z4, a Parigi l’atteso ritorno del roadster di Monaco

20 set 2018 Marcello Pirovano
BMW Z4, a Parigi l’atteso ritorno del roadster di Monaco

Ha già mosso le acque ed acceso le  aspettative a Pebble Beach, ma certo è che una passerella al Salone di Parigi sarà, anche per la stessa manifestazione della Porte de Versailles, un evento importante. Anche sul piano dell’immagine di un marchio che delle vetture “open air” ha fatto uno dei suoi segni distintivi e di alto contenuto emozionale e tecnico. Parliamo della nuova Z4 che, sbarcherà in Europa nella primavera del prossimo anno con il suo bagaglio di sportività, spiccata eleganza formale ed esclusività.

Alle anticipazioni già circolate si aggiungono quelle relative ai motori proposti, che sono tre tutti sovralimentati: due 4 cilindri di 2.000 cc da 197 e 258 CV e 320 Nm di coppia. Si aggiunge l’immancabile  3.000 cc 6 cilindri in linea da 340 CV che porta la coppia a 500 Nm. Tutti con trasmissione automatica Steptronic a 8 rapporti con paddles al volante e sistema Launch Control per chi ama bruciare i semafori in partenza e assenza del cambio manuale. Gli incontentabili inseguiranno l’allestimento “M” dotato di un surplus di tecnica e delle conseguenti maggiori doti dinamiche con differenziale sportivo che ripartisce al meglio la coppia tra i due assi per un migliore controllo della velocità in percorrenza nelle curve.

Quanto agli ingombri la nuova Z4 cresce fino a 4,32 mt di lunghezza (+8,5 cm rispetto alla serie precedente) migliorando in stabilità (2,47 di passo) anche per la larghezza di 1,86 conservando tutta l’agilità e la maneggevolezza che hanno reso famoso la Serie e che la trazione posteriore esalta.

Al top della categoria i sistemi di assistenza alla guida con Collision Warning, Pedestrian Warning con funzione City Braking e Lane Departure Warning tra le dotazioni standard. La lista degli optional include l’ActiveCruise Control con la funzione Stop&Go, le informazioni sulle distanze di sicurezza, il Lane Change Warning System, il Rear Collision Prevention e il Cross-Traffic Alert, insieme al sistema Speed Limit Info con display No Passing Info e l’Head-Up Display BMW. A bordo troviamo anche il display da 10,25 pollici e il BMW Operating System 7.0, e il cruscotto ha la strumentazione digitale.

Per l’inevitabile borsa da golf o 48 ore da weekend in fuga il bagagliaio è di 281dmc utili. E se il tempo si rannuvola è pronta, classica ed efficiente, una bella capote in tela. Tettuccio metallico? No grazie.

 

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

70 anni Abarth 1949-2019
Detto tra noi

70 anni Abarth 1949-2019

05 feb 2019 Paolo Pirovano

La storia della Abarth inizia il 31 marzo del 1949 quando Karl Abarth (1908 - 1979) fonda a Torino la Abarth & C. insieme al pilota Guido Scagliarini. Ricorre quindi il...

Continua
Gamma Abarth “70esimo Anniversario”
Nuovi Arrivi

Gamma Abarth “70esimo Anniversario”

04 feb 2019 Paolo Pirovano

Abarth festeggia quest’anno i 70 anni di vita. Un marchio che ha scritto pagine importanti nel motorsport, esperienze che sono poi state riportate direttamente sulle...

Continua