Kia Picanto X-Line e GT Line per essere ancora più sportiva

16 apr 2018 Paolo Pirovano
Kia Picanto X-Line e GT Line per essere ancora più sportiva

Sta prendendo corpo, all’interno del settore dei crossover che stanno dominando il mercato, anche un orientamento sempre più deciso di vetture di taglia small, finora vissute come ideali city car.

Questa voglia di mini-crossover la interpreta perfettamente la Kia Picanto nella versione X-Line. La piccola coreana si era messa in mostra al salone di Francoforte dello scorso anno attirando l’attenzione di un target giovane, esigente, con una forte componente femminile, desideroso di tirarsi fuori dalla mischia della grande produzione di serie con un mezzo agile, disinvolto, ben personalizzato e molto versatile nell’uso.

A prima vista si coglie la maggior altezza dal suolo di 15 mm, la forte incisività del frontale con la tipica calandra a “naso di tigre” con elementi bicolore nella mascherina contornata da una cromatura, la larga presa d’aria inferiore, il gioco dei particolari con colori a contrasto con la carrozzeria, le luci diurne a LED, i fendinebbia Sport Style. Non possono mancare le ruote in lega da 16” e, per interpretare al meglio la sportività, hanno un ruolo preciso anche la pedaliera in alluminio, il doppio scarico cromato, l’antenna shark-fin, i passaruota protetti, l’accenno di minigonne laterali, i vetri posteriori “privacy” e il volante multifunzione con la parte inferiore diritta. Per le scorribande nei centri commerciali o per la pratica sportiva c’è un bagaglio da 255 dmc che, con il sedile posteriore asimmetrico in rapporto 60/40 reclinabile può arrivare a un metro cubo utile.

Tra le dotazioni di tecnologie utili troviamo lo schermo centrale a 7” che gestisce il navigatore 3D e le funzioni Apple CarPlay e Android Auto a integrazione degli smartphone come richiede la generazione dei “sempre connessi” che non può rinunciare alla ricarica wireless tramite piattaforma e alla presa USB. Seguono la telecamera posteriore e i sensori di parcheggio posteriori. Il sistema di assistenza alla frenata d’emergenza (600 euro) è disponibile a richiesta e quanto mai utile nel traffico cittadino.

Alla sicurezza provvede in primo luogo la struttura realizzata con largo uso di acciai speciali, 6 airbag, il controllo di stabilità  VSM (Vehicle Stability Management) e l’ESC.

Resta da segnalare l’adozione di un motore già noto per equipaggiare modelli più importanti quali la Rio e la Cee’d. Si tratta del nuovo 1.000 cc 3 cilindri TGDI Turbo ad iniezione diretta che mette a disposizione 100 CV e 172 Nm di coppia per una rimarchevole brillantezza di marcia a consumi medi dichiarati di 4,5 l/100 km ed emissioni di CO2 contenuti in 104 g/km. Quanto alle prestazioni si fissano in 180 km/h di velocità massima e in 10,1” nello scatto da 0 a 100 km/h.

Con lo stesso propulsore troviamo anche la versione GT Line che trasferisce in chiave dinamica e sportiva gli stessi contenuti per una city-car davvero agile e scattante e che si identifica per i dettagli in di colore rosso o silver. Sostituisce il 1200 aspirato garantendo una migliore coppia e guidabilità.

Entrambi i modelli hanno lo stesso prezzo e le stesse dotazioni con prezzi a partire da 15.050 euro che scendono di 2.250 euro con un usato da rottamare e con garanzia 7 anni o 150.000 km.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

Mercato Auto in Italia: Ottobre -7,4%
Economia

Mercato Auto in Italia: Ottobre -7,4%

05 nov 2018 motorpad.it

Continua a perdere terreno il mercato dell’auto che a ottobre fa registrare 146.655 immatricolazioni vale a dire -7,4% in meno rispetto allo scorso anno. Il dato si...

Continua
Michelin: a ciascuno il suo inverno
Motori e dintorni

Michelin: a ciascuno il suo inverno

30 ott 2018 Mariano Da Ronch

La sicurezza è l’esigenza primaria degli automobilisti, come dimostra un recente studio effettuato da CENSIS e Michelin, dove si riconosce l’importanza dello pneumatico,...

Continua