Mahindra KUV100 cerca spazio tra SUV/crossover compatti e rilancia i programmi del Gruppo indiano

11 apr 2018 Marcello Pirovano
Mahindra KUV100 cerca spazio tra SUV/crossover compatti e rilancia i programmi del Gruppo indiano

C’è una nuova sigla nella trafficatissima area dei SUV compatti: KUV. La introduce Mahindra per lanciare la nuova K100 dove la K, deformata nella pronuncia e, in rosso, nella grafica, sta per “Cool”, ovvero fresca, di tendenza, come in effetti si presenta, ed è, il nuovo modello. Il suo arrivo supera per importanza il normale lancio di un nuovo prodotto; gli viene infatti affidato anche il compito di segnare con forza la svolta nella rincorsa ad una dimensione e ad un riconoscimento - nel contesto internazionale - di ben altro peso e immagine rispetto all’attuale. Programma ambizioso, ma concretamente sostenuto anche dalle capacità tecniche, progettuali e produttive del marchio e dalla prestigiosa e nobilitante acquisizione della Pininfarina che, nello specifico settore, ha fatto seguito a quella della coreana SsangYong del 2011.

La KUV 100 arriva quindi non solo a fare compagnia alla XUV 500 già nota anche in Italia pur nei numeri statisticamente irrilevanti dei 283 esemplari venduti nel 2017, ma a porsi come apripista ad un piano che prevede un nuovo modello per ognuno dei prossimi quattro anni, per ora concentrati sempre nel settore dei SUV e dei pick-up, specialità della Casa, ma sicuramente aperto ad altri sviluppi. Di pari passo procederà il necessario ampliamento della rete di vendita e assistenza.  

Venendo al nuovo modello, la KUV100 si presenta con un ingombro di 3,70 mt di lunghezza, 1,72 di larghezza e 1,62 in altezza in una forma compatta di buon impatto visivo e ben definita personalità stilistica che si manifesta principalmente nel frontale dove la calandra, i gruppi ottici a LED, le ampie prese d’aria e il paraurti protetto caratterizzano l’insieme. La fiancata si allunga con pulizia anche grazie alla maniglia della porta posteriore nascosta nel montante e le ruote in lega da 15” aggiungono un surplus di eleganza. Immediatamente chiara e tranquillizzante la promessa di facilità di parcheggio e di maneggevolezza e così l’anima SUV del modello nonostante la sola trazione anteriore. La testimoniano anche gli angoli caratteristici: 20° in attacco, 16,4° di dosso e 29° di uscita, i 17 cm di altezza dal suolo e, in particolare, l’Hill Hold Control per l’assistenza nelle ripartenze in salita e l’Hill Descent Control per regolare la velocità nelle discese impegnative.

L’interno offre una posizione di guida alta e una sensazione di buona qualità percepita e reale. Semplice ed ergonomica la plancia al disotto della quale sporge la leva joystic del cambio manuale che sorprende per l’insolita posizione. L’assenza del tunnel centrale regala un pianale piatto che nella parte posteriore nasconde anche un’utile e protetta botola portaoggetti. Dietro, un po’ strettini, ci stanno anche tre adulti; restano 243 dmc utili per il bagagliaio estendibili a 473 con due sole persone a bordo. Sul volante si trovano i comandi audio e Bluetooth e fanno parte della dotazione gli alzacristalli elettrici, l’apertura del bagagliaio comandata dall’interno, il sistema di infotainment con radio e impianto stereo a quattro casse, la presa 12V, la porta USB e l’attacco AUX e l’immobilizer, il climatizzatore.

Il motore è un brillante 3 cilindri a benzina mFalcon di 1.200 cc a iniezione multipoint MPFi con doppia fasatura variabile VVT, Euro 6 da 82 CV a 5500 g/m e 115 Nm di coppia da cercare un po’ in alto a 3500-3600 g/m. L’impianto frenante con ABS e EBD ha  freni a disco alle ruote anteriori e a tamburo su quelle posteriori ed è presente l’ESP+Traction Control.

Le sospensioni anteriori sono indipendenti di tipo McPherson e quelle posteriori sono a ponte torcente semi-indipendente, con molle elicoidali e ammortizzatori idraulici a gas.
Le Suzuki Jimny e Ignis e la Panda di pari ingombro sono, per dichiarazione dello stesso costruttore, nel mirino anche se possono proporre il vantaggio della trazione integrale, ma a prezzi inevitabilmente più alti.

Quelli dei due allestimenti della KUV sono: K6+ a 11.480 euro e K8 a 12.700 euro con, in più, apertura porte keyless, accensione a pulsante e bella carrozzeria bicolore (a richiesta). Prezzi scontati di 1.000 euro nel periodo di promozione fino a dicembre. Garanzia di 3 anni o 100.000 km e servizio di assistenza stradale per 3 anni estendibile a richiesta per altri 2 anni. 

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

CR-V Hybrid, l'ibrido secondo Honda
Secondo noi

CR-V Hybrid, l'ibrido secondo Honda

06 dic 2018 Roberto Tagliabue

Dopo il lancio della versione a benzina a fine settembre, Honda presenta la CR-V ibrida che ha il difficile compito di sostituire l’eccellente versione a gasolio...

Continua
G. Bitti e G. Mazzara, Kia Ceed
Intervista a

G. Bitti e G. Mazzara, Kia Ceed

04 dic 2018 Paolo Pirovano

Puntata dedicata all’ultima novità di Kia con in studio la terza generazione della Ceed in versione Hatchback 5 porte, vettura di segmento C. Un modello che avrà un ruolo...

Continua
Monica Mecacci, Ford Focus
Intervista a

Monica Mecacci, Ford Focus

29 nov 2018 Paolo Pirovano

In studio una delle auto più importanti a livello mondiale, la Ford Focus, che arrivata alla quarta generazione si guadagna il titolo di “migliore Ford mai costruita”....

Continua