Skoda Karoq nuova protagonista tra i crossover di segmento medio

22 gen 2018 Paolo Pirovano
Skoda Karoq nuova protagonista tra i crossover di segmento medio

Entra anche Skoda, e a pieno titolo, nel gruppo dei costruttori di SUV e Crossover più autorevoli del mercato, cosa non del tutto scontata e credibile quando la presenza della marca boema si riduceva alla sola Yeti che ora cede il posto al nuovo Karoq. Con i suoi 4,38 mt di lunghezza il nuovo arrivato si posiziona sotto il Kodiaq (4,70 mt) cercando spazio nell’affollato segmento C dove la forte competizione richiede più che mai solidi argomenti per affermarsi.

Sullo stile gioca la carta della sobrietà e della pulizia delle linee senza inutili fughe in avanti ricercate magari in nome dell’aerodinamica o della personalizzazione spinta. L’immagine trasmessa è di solida eleganza e di equilibrio delle masse in una promessa di abitabilità interna che poi trova conferma all’atto pratico. Sul piano della funzionalità va in questa direzione anche  un bagagliaio tra i più capienti della categoria, pari a 521 lt che può dilatarsi fino a 1.810 dmc utili.

Si va sul sicuro per quanto riguarda le motorizzazioni tutte prelevate dalla ricca “banca degli organi” meccanici del Gruppo. Al lancio la scelta si effettua tra due benzina TSI di 1.000 cc e 115 CV con cambio manuale a 6 marce o DSG a 7 rapporti e 1.500 cc da 150 CV con cambio DSG ai quali seguono due diesel TDI di 1.600 cc e 115 CV e 2.000 cc da 150 CV quest’ultimo è l’unico con trazione integrale; entrambi con la doppia opzione per la trasmissione.

Su questi ultimi due si concentrerà verosimilmente l’80% delle preferenze del mercato italiano secondo le previsioni di Skoda. La prova pratica si è concentrata sul più potente 150 CV con trazione integrale. La coppia di 340 Nm a 1750 giri ha manifestato tutta la prontezza di risposta e la sostenuta progressione di erogazione che ci si aspettava, ben accoppiato al cambio DSG. La rumorosità è stata da imputare più agli pneumatici invernali con le che non al regime di rotazione del motore.

Il listino parte dall’allestimento Ambition che va da 23.850 a 31.450 euro a seconda delle motorizzazioni, Style compreso tra 26.750 e 34.350 euro ed al vertice la Executive (da 25.450 a 33.050 euro). Prezzi che vanno messi in rapporto ai due classici criteri di valutazione: la qualità e le dotazioni. In questo senso il “value for money” e il confronto con la concorrenza è sicuramente corretto e favorevole in quanto la qualità percepita e reale non può che essere a livello del Gruppo di appartenenza Volkswagen. A questa è doveroso aggiungere la lista dei sistemi e delle tecnologie che rendono la guida più facile e la marcia più sicura e connessa già a partire dalle versioni entry level e che hanno contribuito ad ottenere le cinque stelle nei test EuroNcap.

Per le dotazioni Karoq dispone della nuova generazione di sistemi di connettività e infotainment Skoda Connect e del Digital Cockpit digitale programmabile  sui gusti e le abitudini di chi si mette al volante. Per gli incontentabili sono pronti anche 4 pack di personalizzazione, Family, Navigation Plus, Assistant 3.0 (parcheggio automatico) e Style (interni pelle) che chiudono il cerchio delle dotazioni più avanzate e in qualche caso originali come l’Ambient Light a LED a 10 colori, i sedili VarioFlex scorrevoli, ribaltabili, removibili e frazionabili 40/20/40, il gancio di traino ripiegabile elettronicamente e il vano portaombrello con ombrello integrato sotto il sedile del passeggero. 

Le soluzioni di infotainment prevedono dal primo livello di allestimento la radio con display da 8 pollici che comprende la funzione Smartlink+  che collega ogni protocollo dello smartphone. Il secondo livello aggiunge il navigatore satellitare ed il servizio Wlan per collegarsi ad internet dalla vettura. Al top lo schermo diventa da 9,2 pollici interamente touch con Gesture Control e comprende una memoria di 64 GB si scheda SSD oltre al wi-fi per la connessione wireless. Anche per Karoq sono disponibili i servizi di connettività che rientrano all’interno dell’offerta Skada Connect e che si dividono in due proposte. La prima è Infotainmement Online ed è possibile collegarsi a internet attraverso la propria scheda dati o attivandone una dedicata. È gratuita per il primo anno ed il rinnovo a partire dal secondo, ha un prezzo di 70 euro. L’altra proposta è il Care Connect che include diverse funzioni e soprattutto la Chiamata d’Emergenza in caso d’incidente. È un optional ad un costo di 340 euro e funziona attraverso una SIM dedicata e rimane legato alla vettura per un periodo di 14 anni mentre per gli altri due servizi (Service Proattivo e Accesso Remoto) l’attivazione dura 3 anni.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

Mitsubishi, fatturato trimestrale + 27%
Economia

Mitsubishi, fatturato trimestrale + 27%

09 ago 2018 motorpad.it

Nel primo trimestre dell’anno fiscale 20181019 Mitsubishi Motors ha registrato un fatturato netto di 560,0 miliardi di yen, in aumento del 27,0% sullo stesso periodo...

Continua