Volkswagen punta sul metano con tre modelli in lisino

28 feb 2018 Paolo Pirovano
Volkswagen punta sul metano con tre modelli in lisino

L’alimentazione a metano sulle auto non è certo una novità. In questo momento di cambiamenti (e di informazioni confuse) il metano ed il biometano sono, tra i carburanti alternativi, quelli che  nei prossimi anni avranno con ogni probabilità gli sviluppi più importanti. I vantaggi sono conosciuti e si possono riassumere nel minore impatto ambientale per le basse emissioni di CO2 (spesso inferiori a quelle delle motorizzazioni ibride), nel costo del carburante ridotto rispetto a benzina e diesel realizzando così un basso costo/km, nelle esenzioni dal bollo concesse da alcune amministrazioni regionali e locali e nella possibilità di circolare nel caso dei blocchi del traffico. Tutti fattori che rendono i modelli disponibili sul mercato interessanti e convenienti per il cliente.

Tra i costruttori più impegnati nello sviluppo della gamma a metano si è recentemente inserito il Gruppo Volkswagen che con tutti i marchi offre questa possibilità di scelta. In particolare la capogruppo Volkswagen propone tre modelli in listino, la Up!, la Polo e la Golf, andando a coprire i tre segmenti principali del mercato nazionale e quasi il 70% delle vendite totali della casa di Wolfsburg in Italia dove 1 Up! su 4 è  metano, proporzione che sale a 1 su 3 per Polo e Golf e tutte sono equipaggiate con motori progettati e garantiti direttamente dal costruttore dalla casa per funzionare a gas ognuno con caratteristiche proprie; non si tratta quindi di interventi in post-produzione.

La novità per il 2018 riguarda la Golf nelle classiche carrozzerie hatchback 5 porte e Station Wagon Variant. Sfrutta il 1.400 cc TGI da 110 CV e 200 Nm di coppia (tra 1.500 e 3.500 giri), e arriva ad un’autonomia totale, grazie alla doppia alimentazione, di 1.270 km con un consumo medio di appena 3,6 kg/100 km ed emissioni di CO2 pari a soli 98 g/km. All’atto pratico servono solo 3,5 euro per percorrere questa distanza e per fare un pieno bastano meno di 15 Euro. La Golf si avvia automaticamente in modalità a metano (tranne che in caso di temperature sotto lo zero particolarmente basse) e se la riserva di gas si esaurisce, il sistema passa automaticamente all’alimentazione a benzina. Entrambi i modelli Golf TGI possono essere ordinati con cambio DSG a 7 rapporti.

A rendere conveniente la best seller Volkswagen è in questo momento il prezzo che, grazie ad una promozione organizzata dalla filiale italiana e dai concessionari attraverso incentivi e valida fino alla fine di marzo, porta il prezzo d’acquisto a 17.900 euro dai 23.350 iniziali per l’allestimento Trendline con pacchetto Tech&Sound. A parità di prezzo si può acquistare una Golf 1.0 TSI da 110 CV con le stesse dotazioni.

Con questa soluzione solo la Golf è in grado di offrire cinque alimentazioni differenti: 100% elettrica e ibrida plug-in, benzina, diesel e metano.

Sulla Polo, invece, il primo motore a metano della compatta della sua storia, si basa sul tre cilindri turbo 1.000 cc TGI da 90 CV con una coppia di 160 Nm già a 1.900 giri (fino a 3.500 giri). Il funzionamento del sistema è simile a quello della Golf e per ridurre le emissioni porta rapidamente il catalizzatore alla corretta temperatura di esercizio attraverso un processo lambda frazionato. L’autonomia complessiva della Polo 1.0 TGI arriva a 1.190 chilometri ed il listino parte da 16.600 euro con un supplemento rispetto alla pari versione a benzina di 2.300 euro.

Completamente differente il discorso sulla city-car Up!. La piccola di famiglia nasce, infatti, per essere utilizzata a metano attraverso due serbatoi che in totale contengono fino a 11 kg di gas (72 l) e sono montati sotto il pianale in corrispondenza dell’asse posteriore. A questi si aggiunge il serbatoio a benzina da 10 litri che funziona come riserva per raggiungere comunque i 600 km di percorrenza (380 a metano + 220 benzina). Come motore utilizza il tre cilindri, 999 cc di da 68 CV e 90 Nm di coppia. Il listino, in questo caso, muove da 13,750 euro con un differenziale di prezzo di 2.250 euro.

In Italia sono attualmente disponibili oltre 1.200 stazioni di rifornimento di metano (circa 1/3 di quelli presenti in Europa) destinati a crescere rapidamente di numero per una miglior copertura territoriale. Ancora carente è invece la copertura all’interno delle città e attraverso delle App è possibile avere informazioni sui punti di rifornimento e programmare così il percorso.

Torna indietro
Tags

Galleria Fotografica

Potrebbe interessarti anche:

FCA. L’agenda del CEO Mike Manley
Economia

FCA. L’agenda del CEO Mike Manley

30 ott 2018 motorpad.it

Sistemata la compagine dei più diretti collaboratori con Pietro Gorlier responsabile dell’area EMEA, Louis Camilleri presidente Ferrari, Pietro De Biasi responsabile delle...

Continua
La Volkswagen T-Cross e Giosuè Carducci
Anteprima

La Volkswagen T-Cross e Giosuè Carducci

30 ott 2018 motorpad.it

Chissà chi se la ricorda la “Canzone di Legnano” la bella poesia di Giosuè Carducci che a scuola, nonostante la lunghezza, bisognava mandare a memoria. Oltre alla...

Continua
Nuova Nissan Leaf: una scelta possibile.
Secondo noi

Nuova Nissan Leaf: una scelta possibile.

29 ott 2018 Mariano Da Ronch

Come saranno le vetture del futuro? Ma, soprattutto, che motore avranno? Quest’ultima domanda interessa sempre di più gli automobilisti, in particolare quelli che si...

Continua